Geocaching

Un pomeriggio a Geocachingland

E’ da un po’ che ho adocchiato questo parco giochi dei geocacher. Si tratta di Bergolo, il più piccolo comune delle Langhe e uno dei più piccoli d’Italia. Questo grazioso paese di pietra ha intuito le potenzialità turistiche del territorio e, il fatto che oggi nel suo perimetro ci siano più geocache che abitanti, è un chiaro invito a passeggiare nei suoi boschi e a scoprire le sue peculiarità. Siete pronti per un pomeriggio di geocaching a Bergolo?

Bergolo
Bergolo

Ho mezza giornata libera e tanta voglia di scoprire un borgo pronto ad accogliermi e farmi emozionare. Parcheggio all’ingresso del paese. La mia geo-gita a Bergolo inizia da qui. Dopo aver mangiato un panino ammirando il panorama, mi accorgo di essere molto vicina al primo incontro con le creazioni di Nebbiolo. GPS in mano mi guardo intorno e… poi la vedo… FP (Favourite Point) per il panorama e per la bellezza del paese. Il pomeriggio di geocaching a Bergolo non poteva iniziare in modo migliore.

geocaching a Bergolo
Molletje incrementa i chilometri percorsi

Raggiungo in pochi minuti di piacevole camminata la cappella romanica di San Sebastiano, punto panoramico da cui ammirare le valli e le colline delle Langhe. Mangio il secondo panino. Ora che ho pranzato posso dedicarmi alla caccia al tesoro. Ho fatto i compiti a casa risolvendo questa mistery cache (geocache che prevede la soluzione di un rompicapo per arrivare alle coordinate finali) e, in pochi minuti, raggiungo Ground Zero e firmo sul logbook leggermente umido.

geocaching a Bergolo
Anche Little Eagle incrementa i chilometri percorsi

Geocaching a Bergolo

Trovate queste prime due cache di riscaldamento mi dedico a quello che noi geocacher chiamiamo trail delle farfalle. Si tratta di un itinerario che si sviluppa lungo il sentiero del Bottazzo aggiungendo una deviazione molto panoramica per poi rientrare in paese. I geocache che s’incontrano sul percorso hanno la particolarità di farci conoscere quindici specie di farfalle attraverso la presentazione della loro scheda.

sul sentiero del Bottazzo
sul sentiero del Bottazzo

Il sentiero naturalistico del Bottazzo è stato realizzato in collaborazione col Laboratorio di educazione ambientale di Chiusa Pesio. Sui pannelli informativi collocati lungo il percorso sono descritte le peculiarità della flora e della fauna. Sono ancora ben visibili gli antichi muretti a secco in arenaria posti a sostegno dei terrazzamenti in cui si coltivava la vite.

geocaching a Bergolo
aspettando che il logbook si asciughi

Tipi di cache sul percorso

Trovo tutti i geocache. A parte un paio su cui devo ragionare un po’ di più, il ritrovamento è pressoché immediato. I contenitori si dividono tra petling e cache. Nonostante la semplicità l’itinerario non è mai noioso. Alcuni punti panoramici permettono di ammirare le colline delle Langhe. In un tratto le ginestre danno una nota di vivacità alla passeggiata.

ginestre
ginestre

Trovo anche una cache posizionata durante l’evento CITO (Cash in, Trash out) del 2012, momento aggregativo in cui i cacher si riuniscono per ripulire parchi o spazi pubblici. E’ la mia preferita del percorso di oggi.

noccioleto
noccioleto

Raggiungo il Bric delle Forche e trovo il logbook più bagnato dell’interno percorso. Aggiungo, come già ha fatto chi mi ha preceduta, un foglietto col mio log. Scendo verso il borgo attraversando un sentiero piuttosto trascurato. Raggiunto l’asfalto, scovo ancora gli ultimi due tesori della giornata.

geocaching a Bergolo
cache

Bergolo si è rivelato una piacevole sorpresa e tornerò volentieri a scoprire gli altri segreti di questo borgo di pietra in cui l’arenaria si esprime in tutta la sua bellezza. E, ovviamente, dedicherò un’intera giornata all’esplorazione della restante porzione di parco giochi dei geocacher!

Clicca qui per altre avventure di geocaching!

12 thoughts on “Un pomeriggio a Geocachingland”

  1. Bellissima idea che ha avuto il paese di Begolo! Io e mio marito siamo appassionati di geocache e da anni andiamo alla ricerca dei geocache sparsi in tutto il mondo. E’ un modo alternativo per esplorare i luoghi che visitiamo.

  2. Ho scoperto anche io il fantastico mondo del Geocaching da pochissimo! Lo trovo molto divertente e se poi affiancato ad una gita all’aria aperta come hai fatto tu è davvero il massimo.

  3. Che idea fantastica. Stuzzica la curiosità nel visitatore, esaltando la bellezze del territorio. Geniale. da fare anche con i bambini!

  4. Avevo già sentito parlare di questa attività ma non l’ho mai sperimentata di persona e sono molto curiosa di poterla provare, magari proprio in località del Cuneese visto che sono della zona.

  5. Mi hai fatto scoprire una cosa nuova. Avevo sentito vagamente parlare del geocaching, ma non gli ho dato l’importanza dovuta. Scopro solo ora che c’è un mondo di appassionati e appassionanti avventure. Incredibilie.

    1. Ogni uscita di geocaching è un’avventura: scopri posti nuovi, panorami visti da angolazioni inedite e, soprattutto, devi capire dove potrebbe essere nascosta la scatoletta!

Rispondi