geocaching a Savona: la Torretta
Liguria

Caccia al tesoro a Savona

Esistono molti modi per vivere una città. Uno di questi ti porta a scoprirne gli angoli più curiosi. Un giorno qualunque traccio quindi un percorso ideale e vado in cerca di tesori nascosti. Il geocaching a Savona è rilassante e divertente. Mi fa scoprire luoghi che conosco da un’angolazione diversa.

Parcheggiare a Savona è il primo enigma da risolvere. In tal senso ho la mia soluzione perfetta. Lascio la macchina gratuitamente all’ombra del centro commerciale Il Gabbiano. Quindi m’incammino verso il centro storico.

Il vento, come spesso accade in questa città, soffia forte.

Curvy on the beach
Curvy on the beach

Geocaching a Savona: la fortezza del Priamar

La fortezza del Priamar è l’opera fortificata più grande e imponente dell’intera Liguria. La sua forma articolata e complessa è frutto delle fasi storiche di costruzione e ampliamento che si sono susseguite nel tempo. Oggi è un importante polo culturale e turistico.

La fortezza è aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 18.30. D’estate fino a mezzanotte.

Camminare nella cittadella è suggestivo. Quasi trasportata dal vento mi muovo nel tempo e nello spazio. Raggiungo il piazzale del Maschio e da qui salgo di livello. Arrivo fino al punto più alto e da qui abbraccio con uno sguardo tutto il panorama circostante: il mare, i monti, Savona e il suo porto.

Scendo ma non troppo. È il momento di dedicarmi alla virtual cache di nuvolaenebbia, owner noti per l’ingegnosità dei loro nascondigli. In questo caso non c’è un contenitore fisico da trovare ma, giunti alle coordinate indicate, bisogna scattare due foto ben precise per poter loggare.

Tra una folata di vento e l’altra completo il compito.

geocaching a Savona: fortezza del Priamar
fortezza del Priamar

Geocaching a Savona: la Torretta

La Torre Leon Pancaldo, conosciuta più semplicemente come Torretta, è dedicata all’omonimo navigatore savonese che accompagnò Magellano nella prima circumnavigazione del mondo. È ciò che resta dell’antica cinta muraria che doveva proteggere la città da possibili invasioni esterne. Strategicamente posizionata tra il porto e la porta della Quarda, non riuscì a respingere i genovesi nel 1527.

Risparmiata dalla distruzione, fu nel tempo modificata a più riprese. Oggi è il simbolo della città.

L’earthcache che devo risolvere mi fa riflettere sulla geologia. Anche in questo caso non c’è un contenitore fisico da trovare ma domande precise che vogliono la giusta risposta.

geocaching a Savona: la Torretta
la Torretta di Savona

Convento dei Cappuccini

Il convento dei Cappuccini di Savona è un complesso di edifici religiosi situato su un’altura. È tuttora retto dall’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, uno dei tre ordini maschili della famiglia francescana.

Ci arrivo con una passeggiata fantasiosa lungo strade in cui non ero mai stata prima. Il tratto finale è il più ripido.

Stavolta c’è un contenitore da trovare. Salta fuori subito e firmo velocemente il logbook.

Purtroppo la chiesa è chiusa. Mi consolo ammirando la città e il mare dall’alto.

convento dei Cappuccini
convento dei Cappuccini

Chiesa di San Pietro

Lentamente m’incammino verso il centro storico. Il geocache che sto cercando è speciale. È stato infatti posizionato nel 2015 in occasione del primo geo-raduno savonese.

Lontana dal caos cittadino ma comunque nel cuore della città mi muovo verso la chiesa di San Pietro, significativo esempio di architettura seicentesca.

Costruita dai Padri Carmelitani Scalzi tra il 1664 e il 1681, fu inizialmente dedicata alla Madonna del Carmelo. Solo nel 1802 fu intitolata a San Pietro in seguito alla demolizione dell’omonima chiesa presso il porto.

Grazie al prezioso e preciso hint il ritrovamento del geocache è immediato. Il logbook ha visto tempi migliori, andrebbe sostituito. Ciò che ne resta è comunque asciutto e riesco a firmare. 

giardino delle Confraternite in via Pietro Giuria
giardino delle Confraternite in via Pietro Giuria

Geocaching a Savona: il profumo del mare

È con molto piacere che mi dirigo verso la spiaggia. Respiro a pieni polmoni l’aria di mare e cammino un bel po’ prima di concentrarmi sul compito che mi attende.

La seconda earthcache della giornata è un vero e proprio momento culturale. Devo infatti rispondere a ben quattro quesiti geologici!

Invio le risposte all’owner e, dopo un ultimo sguardo al mare, torno sui miei passi. Sono le 16, ora ideale per la merenda. Memore di cari ricordi d’infanzia, mi dirigo verso via Pia e mi affaccio quindi su vico dei Crema. L’odore inconfondibile mi guida con sicurezza verso l’antica bottega della Casa della Panizza.

Stanno aprendo proprio ora. Attendo alcuni minuti prima di gustare la meritatissima focaccetta con le fette, lo street food tipico savonese. A dirla tutta è questo il premio finale per la giornata di geocaching appena conclusa.

geocaching a Savona: la spiaggia
la spiaggia di Savona

📝 Consigli avventurosi

Il geocaching a Savona presenta diversi tesori da cercare. Alcuni sono attualmente in manutenzione. Verificando gli ultimi ritrovamenti si può affrontare l’avventura con cauto ottimismo. Durante la giornata si può cogliere l’occasione per gustare lo street food locale o per pranzare in uno dei locali del centro storico.

Alla scoperta di altre avventure in Liguria!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

Rispondi