incontri particolari alla cappella di San Sebastiano
Piemonte

Bergolo, paese di pietra

Bergolo è un comune delle Langhe che conta circa 70 abitanti. È il comune meno esteso della provincia di Cuneo e uno dei più piccoli d’Italia ma si distingue per essere uno dei più attivi, in ambito culturale, dell’intero Piemonte.

I sentieri

Circondato naturalmente da una fitta rete di sentieri che attraversa boschi e crinali offrendo notevoli spunti naturalistici, è il territorio ideale per il geocaching, caccia al tesoro mondiale basata sull’utilizzo del GPS. È un vero e proprio parco giochi dei geocacher e potete scoprire parte di questo fantastico mondo nel post Un pomeriggio a Geocachingland.

Il paese ha in sostanza intuito le potenzialità turistiche del territorio e questo ha permesso di frenare il progressivo spopolamento avvenuto negli anni Sessanta trasformandolo in una salubre località di villeggiatura.

Bergolo sorge ad appena 616 metri sul livello del mare ed è un raro esempio di borgo rurale medievale capace di conservare quasi integralmente le sue caratteristiche originarie. Le case e i viottoli in pietra arenaria locale sono davvero spettacolari e invogliano a immergersi in un’atmosfera d’altri tempi.

ginestre sul sentiero a Bergolo
ginestre sul sentiero
Bergolo
Bergolo
Saluti da Bergolo
Saluti da Bergolo

I murales di Bergolo

La passeggiata è inoltre arricchita dai murales e dalle sculture collocati negli angoli più suggestivi e sulle case. Sono le opere d’arte lasciate dagli artisti che hanno partecipato al concorso Bergolo: paese di pietra ideato dal sindaco Romano Vola nel 1993. Rivolto a tutte le scuole a indirizzo artistico italiane, di fatto ha trasformato il borgo in una vera e propria galleria d’arte contemporanea a cielo aperto.

Partendo dal Municipio si sviluppa poi un itinerario dantesco intervallato da versi tratti dalla Divina Commedia e illustrazioni degli artisti Bruno Sacchetto, Elisa Donotti, Bruno Murialdo e Gabriella Piccatto. È un percorso di riflessione e meditazione a contatto con la bellezza della natura e il profumo del marino, la brezza del mare.

La passeggiata si conclude alla cappella cimiteriale di San Sebastiano in stile romanico e risalente al XII secolo.

La struttura si trova in un punto panoramico che, oltre a permettere una vista privilegiata sul paese, domina le valli Bormida e Uzzone.

Il Memorial Ezra Pound, sorto nel 2003, è un suggestivo spazio panoramico caratterizzato da nove grandi pietre dipinte dall’artista Beppe Schiavetta che, al momento, sembrano abbandonate a sé stesse.

L’area comprende anche un piccolo anfiteatro coperto utilizzato per spettacoli teatrali, concerti e manifestazioni. La struttura è solida e realizzata in pietra arenaria come tutto il resto del paese.

Bergolo, in poco spazio, sa offrire molto al visitatore che si appresta a esplorare il borgo o i sentieri tutt’intorno. Che si tratti di trascorrerci poche ore o un’intera giornata, regala emozioni intense e riempie gli occhi di tanta bellezza.

lungo l'itinerario dantesco
lungo l’itinerario dantesco
cappella di San Sebastiano
cappella di San Sebastiano
incontri particolari alla cappella di San Sebastiano
incontri particolari alla cappella di San Sebastiano

📝 Consigli avventurosi

Gli intellettuali hanno più di quaranta opere d’arte e tutto un borgo da scoprire, i camminatori e gli appassionati di mountain bike possono cimentarsi sui sentieri tutt’intorno al paese.

Guarda il foto-diario completo su Facebook

Alla scoperta di altre avventure in Piemonte!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

2 thoughts on “Bergolo, paese di pietra”

Rispondi