scultura in legno di Barba Brisiu
Geocaching

Caccia al tesoro tra i Tech

Come vi ho raccontato nel post Nel regno dei narcisi, il santuario di Sant’Anna di Prea è punto di partenza ideale per una piacevole escursione primaverile. Ci sono tornata in autunno e vi assicuro che gli scorci panoramici e i caldi colori del foliage rendono il pomeriggio davvero rilassante. Siete pronti per scoprire il Giro dei Tech?

Giro dei Tech
Giro dei Tech

Geocaching sul Giro dei Tech

Il percorso ad anello è di circa 6 km con un dislivello di 333 metri ed è adatto al trekking pedonale e ciclabile. Camminando con calma impegna per circa un paio d’ore. Si svolge in un contesto alpino piuttosto panoramico e soleggiato. La presenza dei casotti dal tetto racchiuso arricchisce la passeggiata di elementi architettonici unici appartenenti alla cultura locale.

Giro dei Tech
Giro dei Tech

Oggi mi trovo qui anche per effettuare la manutenzione dei due geocache che ho posizionato lungo il tragitto. Il primo si trova nei pressi della partenza e, non essendoci altre persone in giro, l’operazione di controllo è piuttosto veloce: contenitore e logbook sono al loro posto in buone condizioni. Sono quindi finalmente pronta per incamminarmi sul Giro dei Tech.

santuario di Sant'Anna di Prea
santuario di Sant’Anna di Prea

Raggiungo il solito bivio e, come sempre, svolto a destra. La sterrata di sinistra sarà la mia via di ritorno. Il foliage, con le sue calde sfumature, accompagna la mia piacevole passeggiata autunnale.

Giro dei Tech
Giro dei Tech

Il sole splende alto nel cielo e, nonostante una leggera foschia, riesco comunque a distinguere in lontananza il Cervino e il Monte Rosa. Anche i paesi sparsi nella vallata sono velati ma sono comunque soddisfatta da quello che si vede.

panorama autunnale
panorama autunnale

Giro dei Tech: il rifugio Margherita

Raggiungo quindi il rifugio Margherita recentemente ristrutturato. Costruito nel 1934-35, è una meta classica per le gite monregalesi. Se ci capitate in primavera sarete circondati da narcisi bianchi, rododendri e genzianelle. Oggi mi accontento del panorama autunnale e della compagnia di due personaggi in legno realizzati dall’artista della motosega Barba Brisiu.

scultura in legno di Barba Brisiu
scultura in legno di Barba Brisiu

Anche qui ho posizionato un geocache ma, purtroppo, è andato perso durante il cantiere di ristrutturazione. Ovvero credevo fosse andato perso. Infatti sono sorpresa di trovare ciò che ne resta: anche se si tratta del solo contenitore privo di coperchio e logbook, mi fa piacere che chi ha rinvenuto l’oggetto si sia premurato di rimetterlo al proprio posto.

panorama dal rifugio Margherita
panorama dal rifugio Margherita

Scelgo il nascondiglio adatto e ci posiziono il nuovo contenitore. Le mie operazioni di manutenzione per oggi sono finite ma la passeggiata prosegue.

Baita Elica

Arrivo quindi alla Baita Elica e mi fermo nel prato per una merenda panoramica. Qualche metro più in là alcuni escursionisti stanno giocando col cane. I colori dell’autunno si mescolano tra di loro. La Bisalta e il Monviso mi sorridono.

panorama dalla Baita Elica
panorama dalla Baita Elica

Riprendo la camminata e scendo nel bosco. All’uscita di questo mi accoglie la vista del monte Pigna. Continuo a scendere e, quando torno nei pressi del rifugio Margherita, svolto a destra e proseguo quindi nel prato. E’ una discesa da affrontare con cautela, soprattutto quando il terreno è umido. Oggi è asciutto.

Roccelle

Giungo quindi alle Roccelle, un gruppo di vecchie baite ristrutturate. Le oltrepasso e proseguo la camminata sulla strada sterrata che ha sostituito gli antichi sentieri. Lungo il percorso incontro anche i Tech che danno il nome al giro. Per farla breve si tratta di edifici rurali col tetto racchiuso, rara tipologia di architettura montana tipica delle vallate monregalesi che si trova anche in alcune zone dei Pirenei.

Giro dei Tech in primavera
Giro dei Tech in primavera

I tetti dei Tech hanno i muri frontali sopraelevati e protetti da larghe lastre di pietra rispetto alle falde centrali ricoperte da lamiere (anticamente da paglia), che risultano perciò ribassate rispetto ai frontespizi allo scopo di essere meglio protette dal vento.

Consigliato a…

I camminatori possono apprezzare le meraviglie stagionali: in autunno il foliage e in primavera la splendida fioritura di narcisi.

Alla scoperta delle altre avventure in valle Ellero!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

Il Giro dei Tech è un percorso ad anello di circa 6 km adatto a trekking pedonale e ciclabile con partenza dal santuario di Sant'Anna di Prea. Il Giro dei Tech è un percorso ad anello di circa 6 km adatto a trekking pedonale e ciclabile con partenza dal santuario di Sant'Anna di Prea.

Rispondi