giro attorno al Latemar in mountain bike
Trentino-Alto Adige

In bici con Gertrud

Giro attorno al Latemar, 30 maggio 2013

La mia breve avventura in Val d’Ega è agli sgoccioli. Prima ancora di scendere nel ristorante per la colazione consulto il meteo per capire cosa farò durante la mia ultima giornata. Alla reception dell’albergo ho quindi la conferma che, finalmente, potrò trascorrere una divertente esperienza in buona compagnia.

Come ho già raccontato nel post Nova Ponente e le sue meraviglie, ho scelto di soggiornare presso l’Hotel Erica perché il programma giornaliero delle attività ricreative propone anche delle uscite guidate in mountain bike. Il meteo, seppur nuvoloso, ci permette dunque di partire per un’emozionante giro attorno al Latemar.

Gertrud, la sorella del signor Brunner, dopo aver cucinato a colazione, si cambia e viene con noi. L’altra guida è Christian. Sono in due perché, a un certo punto, ci divideremo in due gruppi in base al livello di preparazione. Sono l’unica italiana, gli altri parlano tutti tedesco. M’infarinerò un po’ di questa lingua solo tra un po’ e, al momento, cerco di cavarmela con un po’ d’inglese.

Partenza

Il Bike Taxi ci porta nel parcheggio di Obereggen, è da qui che inizia la nostra piacevole escursione in mountain bike. Una manciata di anni dopo mi ritroverò nello stesso posto per compiere un altrettanto emozionante trekking. Ma, di questo, vi parlo nel post Una favolosa giornata al Latemarium.

giro attorno al Latemar in mountain bike
Latemar (foto di rawpixel.com)

Alcuni dei miei compagni di viaggio li ho già notati in albergo: c’è chi, ciclisticamente parlando, ha il fisico da scalatore e chi no. La mia mountain bike Atala, che chiamo affettuosamente Gringo, si comporta bene. O forse sono io a essere più in gamba di ciò che penso. Me ne rendo conto quando, con Silke, stacchiamo tutti e arriviamo per prime in cima a una collina sulla quale ci fermiamo ad aspettare.

lago di Carezza e, con un po' d'immaginazione, il Latemar alle sue spalle
lago di Carezza e, con un po’ d’immaginazione, il Latemar alle sue spalle

Giro attorno al Latemar: tappa al lago di Carezza

Uno dei momenti più magici dell’intera giornata è quando raggiungiamo il punto panoramico sul lago di Carezza. Qui vedo le acque turchesi nella loro massima estensione, arrivano fin quasi a toccare gli alberi. Tre anni dopo, durante il mio soggiorno a Nova Levante (che racconto nel post Il posto più magico del mondo), noterò la differenza di livello dell’acqua eppure il posto resterà uno dei più incantevoli che conosco. Purtroppo una parte degli alberi presenti durante la mia avventura sarà abbattuta dalla tempesta Vaia alcuni anni dopo, tra il 28 e il 29 ottobre 2018.

lago di Carezza
lago di Carezza

Per pranzo raggiungiamo l’hotel Valsorda a Forno di Moena. Subito dopo ci rechiamo all’appuntamento col Bike Taxi che ci porta comodamente in cima all’Alpe di Pampeago. Qui ci dividiamo in due gruppi: pochi temerari effettuano la discesa tecnica con Christian. Gli altri se la prendono comoda e, assieme a Gertrud che chiude la fila, raggiungono il punto da cui siamo partiti a Obereggen. Qui il Bike Taxi ci raccoglie e ci riporta in albergo in tempo per la merenda.

giro attorno al Latemar in mountain bike
pronti per scendere giù dall’Alpe di Pampeago

Consigliato a…

L’itinerario ha uno sviluppo di 35 km ed è adatto a tutta la famiglia. Avere un po’ di allenamento alle spalle aiuta sicuramente ad affrontarlo con maggior destrezza. Il periodo migliore in cui affrontare questo percorso è da maggio a ottobre. D’estate, utilizzando le cabinovie, si possono effettuare ulteriori discese e varianti.

Alla scoperta di altre avventure in Trentino-Alto Adige!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

Il giro attorno al Latemar in mountain bike ha uno sviluppo di 35 km ed è adatto a tutta la famiglia. D'estate si può prendere la cabinovia. #TrentinoAltoAdige #cicloturismo

6 thoughts on “In bici con Gertrud”

    1. Infatti è uno dei miei posti del cuore… ne ho già parlato in diverse occasioni ma mi sembra sempre di non aver detto abbastanza 😉

    1. Nell’albergo in cui ho soggiornato in quell’occasione organizzano varie attività ricreative ed escursioni e so per certo di mariti in bici e mogli alla lezione di yoga.

    1. Grazie Fausto. In realtà ora sto ripartendo da zero ma voglio farcela perché la bicicletta mi ha sempre regalato emozioni positive. Non ho mai beneficiato della pedalata assistita ma, qualora trovassi un posto panoramicamente fantastico con tanta salita, potrei tentare l’esperienza.

Rispondi