biblioteca nazionale finlandese
Finlandia

Tre ore a Helsinki

Helsinki è una città di passaggio per chi vola al nord. Solitamente la vedi prima o dopo un viaggio in Lapponia o, nel mio caso, a Vuokatti nella regione di Kainuu. È la mia prima volta nella capitale finlandese. Avendo poche ore a disposizione concentriamo la nostra attenzione sui monumenti principali. Leggendo questo post di renderai conto che in tre ore a Helsinki puoi davvero aggiungere un momento speciale al tuo viaggio in Finlandia.

Ovviamente le tre ore a cui faccio riferimento sono al netto degli spostamenti e della pausa pranzo. Nel nostro caso lasciamo l’Holiday Inn Helsinki – Vantaa Airport con la navetta gratuita alle 8.20. Tredici minuti dopo siamo nell’aeroporto. Qui approfittiamo dell’opportunità di lasciare al deposito bagagli le valigie al costo di sei euro giornalieri a collo.

A questo punto seguiamo le indicazioni per la stazione ferroviaria. Helsinki dista circa venti chilometri dall’aeroporto di Vantaa, distanza coperta dal treno in circa mezz’ora. A marzo 2022 il biglietto singolo costa euro 4,10.

Alle 13.00 siamo nuovamente alla stazione ferroviaria per tornare all’aeroporto.

cosa vedere in tre ore a Helsinki?
porto di Helsinki

Tre ore a Helsinki: dalla stazione alla cattedrale luterana

Ci lasciamo alle spalle l’elegante stazione ferroviaria in stile liberty e ci addentriamo nel cuore della città. La prima tappa delle nostre tre ore a Helsinki è la parte più antica. Per raggiungerla camminiamo piacevolmente su larghi marciapiedi su cui si affacciano vetrine di negozi e caffetterie.

All’improvviso svoltiamo l’angolo e un sincero stupore si dipinge sul mio viso. Piazza del Senato (Sennatintori) è davanti ai miei occhi. È circondata da palazzi neoclassici ma quello che mi colpisce maggiormente è la bianca cattedrale di Helsinki (Tuomiokirkko). Ci attende maestosa in cima a una scalinata monumentale.

Fu realizzata nella prima metà del XIX secolo ispirandosi al Pantheon di Parigi ed è la cattedrale luterana della diocesi di Helsinki. L’interno, come da tradizione protestante, è semplice e austero. I nostri passi sono scanditi da un rispettoso silenzio.

Sulla piazza si affacciano il palazzo del Senato, ora sede del governo, e l’edificio principale dell’università di Helsinki.

Al centro della piazza si trova invece la statua dello zar Alessandro II, il liberatore che pose fine a vari conflitti e concesse ampia libertà al paese. La figura dello zar buono è circondata da quattro statue più piccole raffiguranti Lavoro, Luce, Pace e Legge. Furono realizzate da Walter Runenberg nel 1894.

cattedrale di Helsinki
cattedrale di Helsinki

Tre ore a Helsinki: cibo per la mente

La Biblioteca nazionale finlandese si trova proprio a sinistra della piazza del Senato. È ospitata in un palazzo ottocentesco in stile neoclassico. Depositati gli zaini negli armadietti all’ingresso, la visitiamo con interesse e curiosità.

Di fatto è la più antica e grande biblioteca scientifica della Finlandia. Scorrendo gli scaffali scopro con emozione i tomi di una vecchia edizione delle Opere di Galileo Galilei.

Le imponenti sale sono abbellite dai soffitti decorati e da grandi colonne che rendono l’ambiente elegante e austero. L’accesso alla biblioteca è gratuito, vale la pena visitarla.

biblioteca nazionale finlandese
biblioteca nazionale finlandese

I mercati di Helsinki

A questo punto ci dirigiamo verso un altro dei luoghi più noti di Heksinki: la piazza del Mercato (Kauppatori). Il mercato all’aperto propone cibi finlandesi e diversi souvenir anche artigianali.

Il mercato coperto (Kauppahalli), inaugurato nel 1889, ospita una cinquantina di bancarelle che vendono cibo locale. Se cerchi salmone, aringa, carne di renna o di orso questo è il posto giusto. Sono anche presenti le toilette. Ovviamente è qui che ci fermiamo per la nostra veloce pausa pranzo. Il salmon toast e il dolcetto alla cannella sono solo alcuni dei sapori finlandesi che deliziano il bellissimo Fam Trip con le Travel Blogger Italiane.

mercato coperto di Helsinki
mercato coperto di Helsinki

Tre ore a Helsinki: cattedrale della Dormizione

Dalla piazza del Mercato, in pochi minuti a piedi, raggiungiamo la collina su cui si erge la cattedrale della Dormizione (Uspenskin Katedraali). I suoi muri in mattoni rossi spiccano anche da lontano e il cielo azzurro che ci accompagna li mette ancor più in risalto.

È la cattedrale ortodossa dell’eparchia di Helsinki. Progettata in stile bizantino dall’architetto russo Aleksey Gornostayev, fu inaugurata solennemente il 25 ottobre 1868. L’edificio è caratterizzato da torri e guglie sormontate da tredici cupole d’oro.

Purtroppo di lunedì è chiusa e non possiamo visitare l’interno.

cattedrale della Dormizione
cattedrale della Dormizione

Tre ore a Helsinki: dal parco Esplanadi al Design District

Torniamo quindi sui nostri passi e, oltrepassata la piazza del Mercato, percorriamo il parco Esplanadi facendo attenzione a non scivolare sul ghiaccio.

Si tratta di un’area verde tra due lunghi viali (Pohjoisesplanadi e Eteläesplanadi), aperta nel 1812, su cui si affacciano negozi, bar e caffè. Proprio al centro del parco si trova una statua dedicata al poeta finlandese J.L. Runeberg (1804-1877).

Proseguiamo quindi la passeggiata nel cuore di Helsinki visitando il quartiere artistico di Punavuori. L’area fa parte del Design District ed è caratterizzata da boutique, gallerie d’arte contemporanea e saloni in cui sono esposti alcuni esempi di articoli di interior design finlandese.

Arriviamo quindi in piazza Kasarmitori in cui si trova un’installazione in acciaio resistente agli acidi che viene resa ancora più luminosa dal sole alto nel cielo. È il National Memorial to the Winter War, opera della scultrice Pekka Kauhanen dedicata ai caduti della guerra d’inverno. Il conflitto, che contrapponeva Finlandia e Unione Sovietica, fu combattuto tra il 30 novembre 1939 e il 12 marzo 1940.

Hai già visitato Helsinki? Cosa mi suggerisci di vedere durante il mio prossimo passaggio nella capitale finlandese?

parco Esplanadi
parco Esplanadi

📝 Consigli avventurosi

Helsinki si trova a circa venti chilometri dall’aeroporto di Vantaa. È facilmente raggiungibile sia in treno che in autobus.

Presso l’aeroporto di Vantaa è possibile lasciare al deposito bagagli le valigie al costo di sei euro giornalieri a collo. Fai attenzione all’orario di chiusura del negozio che offre il servizio. In alternativa puoi usufruire degli armadietti presso la stazione ferroviaria.

Ho soggiornato presso l’Holiday Inn Helsinki – Vantaa Airport, che dista dieci minuti dall’aeroporto. Il tragitto è coperto dalla navetta gratuita. La colazione è ottima con ampia scelta tra dolce e salato (ci sono pure i marshmallow e gli orsetti gommosi!). Arrivando tardi puoi contare anche sul ristorante per la cena. Il menù ha poche portate ma abbondanti.

In tre ore a Helsinki, in alternativa ai posti che ho descritto, puoi visitare la fortezza di Suomelinna. Puoi trovare l’esperienza e i consigli di Marina sul blog The Travelling Petsitter.

Grazie ai viaggi firmati Travel Blogger Italiane puoi partire anche tu per la Finlandia. La parte organizzativa è gestita da Valeria Salvai, travel designer affiliata all’agenzia Racconti di Viaggio. Questo significa che avrai la stessa tutela di quando acquisti un viaggio in agenzia. Le proposte di viaggio sono attive tutto l’anno per permetterti di sfruttare al meglio le tue ferie lavorative e assecondare il piacere della scoperta in ogni stagione. Collegati alla pagina ufficiale per prenotare il tuo viaggio firmato Travel Blogger Italiane!

Alla scoperta di altre avventure in Finlandia!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

8 thoughts on “Tre ore a Helsinki”

  1. Tre ore sono poche per visitare questa città, è stato un piccolo assaggio. Io ci ritornerei volentieri casomai in una stagione più calda per poter effettuare anche delle escursioni sulle isole e nei parchi adiacenti.

    1. Tre ore sono poche ma questo piccolo assaggio mi è piaciuto molto. Sicuramente in una prossima occasione mi piacerebbe anche visitare le isole.

  2. Mi dispiace non aver visitato la biblioteca, ma in una mattinata non si poteva fare tutto! Di certo in estate Helsinki è tutt’altra cosa!

  3. In pochissimo tempo hai visto tantissime cose! Helsinki è una città che mi è piaciuta tantissimo. Io ci sono stata tre giorni e ho avuto anche l’opportunità di prendere il traghetto per Tallinn, che è una gita interessante se si ha tempo.