pesce pagliaccio all'Acquario di Genova
Liguria

E tu lo conosci Nemo?

L’acquario di Genova è situato nel porto antico della città. Fu inaugurato nel 1992 in occasione delle Colombiadi, l’Expo celebrativa del cinquecentesimo anniversario della scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo. Ero una bambina già curiosissima quando ne varcai per la prima volta la soglia.

Crescendo ci tornai altre volte trovando sempre delle novità e, soprattutto, nuovi ospiti nelle vasche. A maggio, dopo aver esplorato le sempre affascinanti Cinque Terre e aver camminato per la prima volta nella suggestiva Portovenere, ho quindi fatto tappa a Genova.

Ora ti racconto i dettagli della mia giornata a contatto con gli abitanti del mare.

Acquario di Genova: cavallucci marini
cavallucci marini

Acquario di Genova: biglietti online a prezzo dinamico

Per avere la certezza di poter accedere alla struttura devi acquistare il biglietto online prenotando data e fascia oraria. In questo modo eviterai inoltre di fare un’inutile coda in biglietteria.

Un ulteriore vantaggio è che, programmando la tua esperienza all’Acquario di Genova con un po’ d’anticipo, puoi approfittare dei convenienti prezzi dinamici proposti nel periodo che t’interessa. I prezzi online variano infatti in base ad alcuni parametri come stagionalità, data, orario d’ingresso e domanda complessiva dei visitatori.

Il biglietto intero adulto per il solo acquario, ad esempio, oscilla tra i ventidue e i ventinove euro. Sul sito ufficiale puoi acquistare con prezzo dinamico anche i biglietti pianeta acquario che comprendono anche la visita alla biosfera e al Bigo ascensore panoramico.

Acquario di Genova: stella marina e coralli
stella marina e coralli

Come raggiungere l’Acquario di Genova?

Arrivando in auto, da qualsiasi direzione, devi prendere l’uscita per Genova Ovest e da lì proseguire verso il centro seguendo via Milano e via Gramsci fino al porto antico. I parcheggi nelle vicinanze dell’acquario sono a pagamento.

Se arrivi in treno alla stazione Genova Piazza Principe puoi raggiungere l’area del porto antico a piedi in un quarto d’ora circa. Oppure con l’autobus 32 per piazza Caricamento. O, ancora, in metropolitana direzione Brignole scendendo a San Giorgio.

Se arrivi in treno alla stazione Genova Brignole puoi prendere l’autobus 13 per piazza Caricamento. Personalmente, visto che le corse sono frequenti e arrivi in pochi minuti a destinazione, ho scelto la metropolitana direzione Brin scendendo a San Giorgio.

pesce gatto dalla coda rossa
pesce gatto dalla coda rossa

Servizi interni all’acquario di Genova

La visita all’acquario di Genova inizia con l’immancabile foto di rito. Non c’è obbligo di acquisto ma vuoi mettere l’emozione di attaccare al frigorifero la tua calamita personalizzata?

Se vuoi visitare la struttura in leggerezza puoi lasciare giacche e bagagli al guardaroba custodito al prezzo di tre euro ad oggetto.

Lungo il percorso troverai sei toilette con fasciatoio, il bar di coperta, il ristorante e due gift shop.

piranha
piranha

Acquario di Genova: il percorso di visita

Il percorso di visita è interamente segnalato da frecce azzurre. Presso ogni vasca sono presenti pannelli esplicativi che ti permettono di approfondire la conoscenza degli abitanti del mare.

L’Acquario di Genova ha la più ricca esposizione di biodiversità acquatica in Europa. Sono rappresentati oltre 70 ambienti e circa 12.000 esemplari di 600 specie provenienti dai mari di tutto il mondo. Per esplorare tutto conta almeno due/tre ore.

Il percorso di visita vero e proprio inizia dalla sala Pianeta Blu. Uno spettacolare video mapping mi accoglie con una suggestiva sequenza d’immagini di animali marini provenienti da tutto il mondo. Il fulcro di quest’esperienza immersiva è l’importanza dell’acqua per la vita.

Grotta delle murene

Addentrandomi nell’oscurità mi trovo quindi nella grotta delle murene, una vasca cilindrica alta sei metri avvolta da un allestimento che vuole ricordare la sezione di una conchiglia. Aguzzando la vista cerco d’individuare le murene seminascoste tra gli anfratti rocciosi e gli scorfani che si mimetizzano sul fondale. È decisamente più facile individuare i cavallucci marini e i polpi.

Acquario di Genova: murene
murene

Laguna delle sirene

Il percorso di visita prosegue nella laguna delle sirene, le creature mitologiche metà donna e metà pesce dalla voce suadente ed incantatrice. Gli animali che diedero lo spunto a questi miti sono i lamantini, mammiferi acquatici ed erbivori. Si tratta di una specie a grave rischio di estinzione ma l’Acquario di Genova e altre nove strutture in Europa si occupano della loro conservazione.

Baia degli squali

La mia avventura all’interno dell’Acquario di Genova prosegue nella baia degli squali, predatori del mare tanto affascinanti quanto temuti. La vasca ospita varie specie: lo squalo grigio, lo squalo nutrice, lo squalo zebra e il pesce sega riconoscibile dal lungo rostro dentellato.

Sul fondo della vasca sono presenti i resti dell’albero maestro di una nave del II secolo e alcune anfore datate tra il III secolo a.C. e il I secolo d.C.

Acquario di Genova: squalo zebra
gattuccio

Sala delle Cinque Terre

La sala delle Cinque Terre mi offre una panoramica della variegata flora marina presente nell’omonima zona della Liguria. Dalla castagnola rossa al corallo rosso passando per la gorgonia rossa e quella verrucosa senza tralasciare il cerianto e il falso corallo nero.

Isola delle foche

L’isola delle foche, una delle attrazioni più amate dai bambini, ospita un gruppo di foche comuni. Alcune sono nate nell’Acquario di Genova. Altre, invece, sono state abbandonate in natura dalla madre dopo la nascita e sono sopravvissute grazie all’intervento umano.

La vasca è visibile anche al secondo piano grazie a una passerella che permette di osservare gli animali mentre sono fuori dall’acqua.

anemone di mare
anemone di mare

Il regno dei ghiacci

Una suggestiva scenografia con pareti laccate di bianco a effetto ghiaccio riproduce l’inospitale Antartide, la zona che circonda il polo Sud. È l’habitat in cui vivono il pinguino di Papua e il pinguino di Magellano.

Anche questa vasca può essere osservata su due livelli.

Nave Italia o nave blu

All’improvviso mi trovo a un bivio. Una freccia m’invita a scendere verso i delfini mentre un’altra nella direzione opposta mi porterebbe in un’altra sezione che non ho ancora visitato. A questo punto devi scendere utilizzando le scale oppure l’ascensore. È davvero arrivato il momento di addentrarti all’interno della nave Italia e di conoscere da vicino dei mammiferi molto giocherelloni.

I delfini dell’Acquario di Genova

I delfini ospitati nell’Acquario appartengono alla specie dei tursiopi. Indubbiamente sono tra le mie creature marine preferite. Ogni esemplare si distingue per un caratteristico fischio firma.

Mi fermo a osservare le loro evoluzioni in acqua. Lo spettacolo continua al piano di sopra nel momento in cui emergono.

Acquario di Genova: delfini
delfini

Padiglione biodiversità

Anche il padiglione biodiversità si snoda all’interno della nave blu.

La prima area, denominata Blue Safari, ospita la vasca tattile in cui, con le dovute accortezze, puoi accarezzare alcuni esemplari di razza.

La sala ospita anche gli storioni, pesci antichi e dalle sorprendenti caratteristiche biologiche.

La visita prosegue quindi con gli ambienti tropicali della laguna corallina indo-pacifica che ospita creature curiose come il pesce palla, il pesce Napoleone e lo squalo zebra.

Alla ricerca di Nemo

L’ultima sezione del padiglione biodiversità rende omaggio ai grandi esploratori e naturalisti del passato: Colombo, Humboldt e Darwin.

Le rotte dei tropici sono quindi riprodotte attraverso la rappresentazione di alcuni ambienti d’acqua dolce e marina dell’area tropicale.

L’attrazione più amata dai bambini (e dagli adulti appassionati di cartoni animati) è la vasca in cui nuotano i principali personaggi del film d’animazione Alla ricerca di Nemo. Anch’io mi sono fermata parecchi minuti a osservare Branchia, Dory e il piccolo Nemo.

Dory è un pesce chirurgo
Dory è un pesce chirurgo

La danza delle meduse all’Acquario di Genova

Una colonna sonora dedicata e la particolare illuminazione m’introducono in una magica sala con nove vasche dedicate alle meduse provenienti da tutto il mondo.

Sono organismi antichi dalla struttura molto semplice. Ogni fase del loro ciclo vitale è qui rappresentata.

Le meduse danzano davanti ai miei occhi con movimenti fluidi e soavi.

Acquario di Genova: meduse
meduse

Il mondo dei coralli

La scogliera corallina è l’ecosistema marino che presenta la maggiore varietà di specie animali ed è, allo stesso tempo, uno dei più bisognosi di tutela del pianeta.

La vasca principale è illuminata da lampade che riproducono le condizioni di luce di una notte di luna piena. Questo mi permette quindi di osservare il magico fenomeno della fluorescenza dei coralli.

Le altre due vasche ospitano invece variopinte specie tropicali e i piccoli di pesce pagliaccio e pesce cardinale che nascono regolarmente nell’Acquario di Genova.

pesce pagliaccio all'Acquario di Genova
pesce pagliaccio

Hai già visitato un acquario?

📝 Consigli avventurosi

Programma in anticipo la tua esperienza all’acquario di Genova acquistando online il biglietto sul sito ufficiale. Così potrai approfittare dei vantaggiosi prezzi dinamici disponibili nel periodo che t’interessa.

Se arrivi in auto puoi parcheggiare a pagamento nelle vicinanze dell’acquario.

Se arrivi in treno puoi avvicinarti all’acquario con la metropolitana scendendo a San Giorgio.

Alla scoperta di altre avventure in Liguria!

📌 Salva questo articolo su Pinterest

2 thoughts on “E tu lo conosci Nemo?”

  1. Quanti anni e quanti ricordi! Ci sono andata in quinta elementare ed è stata un’esperienza stupenda. Mi piacerebbe rifarla, anche se immagino che ormai sarà tutto molto cambiato visto che sono passati quattordici anni ❤️